Attenzione alle frasi che circolano nella tua testa

La preoccupazione, l’ansia, la depressione, i disturbi fisici correlati allo stress, le abitudini poco sane o i problemi con gli altri, vi stanno rendendo non felici o stanno interferendo con la vostra Qualità della Vita?

La filosofia molti secoli prima della psicologia, ci ha insegnato, che è normale sentirsi così, provare determinate sensazioni buie, fa parte del nostro essere umani. Tuttavia, è fondamentale comprendere il livello e l’intensità con cui viviamo tali emozioni e riconoscere cosa attiva in noi e quando attiva in noi, uno stato d’animo che non ci fa stare bene.

E’ fondamentale prendersi cura di Se stessi ed iniziare a farlo prima possibile

Solitamente, con il passare del tempo, si inizia a capire che non staremo in questa vita per sempre e che il corpo umano è come una macchina, destinato a logorarsi. Se accettiamo di invecchiare, possiamo anche evitare di sprecare le nostre energie in progetti che promettono l’eterna giovinezza. Avventure extramatrimoniali, auto sportive, chirurgia estetica perdono tutte il loro fascino appena ci rendiamo conto che non fermeranno il tempo. (Larry Rosenberg, 2000)

 

E’ fondamentale prendersi cura di Se stessi ed iniziare a farlo quanto prima possibile.

 

Nella maggior parte delle tradizioni antropologiche e spirituali è descritto un momento dello sviluppo in cui la personale realtà pare disgregarsi, andare in pezzi. Le idee, i progetti, gli obiettivi che abbiamo riguardo la nostra identità ed i piani personali per il futuro, si sgretolano e non sappiamo più chi siamo o dove stiamo andando. Che cosa accade in quel momento a chiunque, nessuno escluso?

Ci opponiamo con tutte le forze al dolore ed allo smarrimento che la crisi sopraggiunta porta con sè, sebbene essa rappresenti la benedizione che stavamo aspettando, per potarci a maggiore consapevolezza e flessibilità.

 

I pensieri che ci attraversano la mente tutto il giorno definiscono la nostra visione dell’identità, degli altri e del senso della vita. Se penso di esser un uomo intelligente, buono e generoso, farò fatica a riconoscere le parti di me che sono confuse, rabbiose e avide. Tenderò inoltre a criticare queste caratteristiche quando le vedrò negli altri. In un momento di crisi potrei tuttavia, rendermi conto di quanto sia anch’io confuso, rabbioso e avido. E benchè possa potenzialmente sconvolgermi e deprimermi, ciò mi darà anche l’opportunità di sviluppare un’idea più completa di chi sono. Con il tempo ciò potrà rendermi una persona più saggia e capace di rapportarmi agli altri.

Nel programma Psicologia dei Movimenti esplorerai tutto questo e molto altro ancora per accorgerti che è semplice farlo, se sai come farlo.

Inizia il tuo percorso di cambiamento attraverso i movimenti corporei e scrivendo a dottore@pierformance.it

Leave A Comment